Vanguard News Network
VNN Media
VNN Digital Library
VNN Reader Mail
VNN Broadcasts

Old September 16th, 2008 #61
Robert Bandanza
Banned
 
Join Date: Mar 2006
Location: JUDEAware, originally MassaJEWsetts
Posts: 8,901
jewsign Berlusconi

 
Old September 25th, 2008 #62
Robert Bandanza
Banned
 
Join Date: Mar 2006
Location: JUDEAware, originally MassaJEWsetts
Posts: 8,901
jewsign Frattini Calls For Implementation of Additional Sanctions Against Iran

New York, NY, September 25, 2008 … Suggesting that diplomacy hasn't worked, Italian Foreign Minister Franco Frattini told the Anti-Defamation League (ADL) today that the European Union should implement tough sanctions aimed at ending Iran's enrichment of uranium and pursuit of nuclear weapons.

"We believe that the threat posed by the enrichment of uranium in Iran is not only dangerous for Israel, but for my country, for Italy," Mr. Frattini told a gathering of ambassadors, U.S. and Italian Jewish community leaders, and dignitaries today at ADL's National Headquarters in New York City. "Italy is joining those who are ready to implement effective sanctions against Iran, and implement new sanctions."

Mr. Frattini pointed to this week's address by Iranian President Mahmoud Ahmadinejad to the United Nations as the latest proof of the regime's unwillingness to budge on the nuclear issue or to tone down its anti-Israel and anti-Semitic rhetoric.

"I don't see a clear possibility to repeat an offer of dialogue when the interlocutor is presenting to us a wall," Mr. Frattini said, referring to Iran. "We wouldn't be a credible Europe if we would continue to accept behavior like this. Italy will be on the forefront of proposing that sanctions are necessary."

On Israel's security, Mr. Frattini reaffirmed his nation's strong commitment to ensuring the safety of the Jewish State, saying it is "our moral duty." "Every day, Israel fights for its life," Mr. Frattini said. "If we don't fight for the security of Israel, than no one is fighting. That is why I say Israel's security is non-negotiable."

Italy strongly desires to play a role in working toward a comprehensive peace between Israelis and Palestinians, said Mr. Frattini. He added, however, that Italy would be unwilling to work with any Palestinian government that includes the terrorist group Hamas.

The Italian Foreign Minister also called for the European Union to redouble efforts to fight against all forms of anti-Semitism on the continent.

Mr. Frattini spoke at a luncheon where he was recognized by ADL for his role in working to confront anti-Semitism in Europe and in promoting strong bilateral ties between Italy and Israel, and Italy and the U.S. Following his address, Abraham H. Foxman, ADL National Director, presented Mr. Frattini with a gift of an artwork inscribed with biblical passages in Hebrew.

http://www.adl.org/PresRele/Mise_00/5364_93.htm
 
Old September 26th, 2008 #63
Robert Bandanza
Banned
 
Join Date: Mar 2006
Location: JUDEAware, originally MassaJEWsetts
Posts: 8,901
Thumbs up I'm a fascist, says AC Milan star Christian Abbiati

One of Silvio Berlusconi's players at AC Milan has declared he is a fascist. Christian Abbiati, 31, an Italian international, said: "I am not ashamed to proclaim my political beliefs. I share [the] ideals of fascism, such as the fatherland and the values of the Catholic religion."

The goalkeeper's remarks, published today in Sportweek magazine, come amid debate over Italy's fascist past and rightwing present under the leadership of AC Milan's billionaire chairman.

The minority partner in Berlusconi's parliamentary alliance, the Freedom People, is a party spun out of the country's neo-fascist movement. Some members remain unabashed apologists for the dictatorship of Benito Mussolini.

The defence minister, Ignazio La Russa, sparked a row this month after he paid tribute to Italian soldiers who fought alongside German troops in the second world war. His comments came after the mayor of Rome, Gianno Alemanno, told a magazine he did not consider fascism an "absolute evil". Berlusconi dodged a question on his own views, replying: "I think only of working to resolve the problems of the Italian people."

http://www.guardian.co.uk/world/2008.../italy.acmilan
 
Old September 29th, 2008 #64
Robert Bandanza
Banned
 
Join Date: Mar 2006
Location: JUDEAware, originally MassaJEWsetts
Posts: 8,901
jewsign Jew lover and Italian lawmaker has friends

Jewish leaders met with the president of the Italian Senate after he was the object of racist and anti-Semitic graffiti.

Skinheads are believed to have hung a large banner Sept. 24 targeting Renato Schifani with the slogan "Schifani the Jew will be you." A similar banner was found the next night. The banners, which were hung near a major city higway, were signed with the symbol of an extreme right-wing group.

Schifani, who is not Jewish, had declared on a visit to Auschwitz earlier this month that "we are all
Israelis."

Last Friday, the president of the Union of Italian Jews, the chief rabbi of Rome and the president of Rome's Jewish community expressed their solidarity with Schifani during a half-hour meeting. They also discussed the need to fight racism and educate young people about the Holocaust.

Politicians condemned the banners.

The incidents come amid tensions following the murders of immigrants and recent public debate over the legacy of Italy's World War II fascist regime.

http://www.jta.org/cgi-bin/iowa/breaking/110599.html


Last edited by Robert Bandanza; September 29th, 2008 at 01:31 PM.
 
Old October 15th, 2008 #65
alex revision
Senior Member
 
alex revision's Avatar
 
Join Date: Mar 2008
Posts: 15,878
alex revision
Default Italy's national team coach in anti-racism film

Italy’s national team coach in anti-racism film

Original article: www.ejpress.org/article/31126

6Updated: 15/Oct/2008


ROME (AFP-EJP)---Italy’s 2006 World Cup-winning coach Marcelo Lippi has agreed to take part in an anti-racism and anti-fascism film aimed at schoolchildren.

Moni Ovadia, a Jewish Italy-based actor and theatre director, asked Lippi to speak about the Holocaust during the film, and revealed that the coach had been eager to participate.

"He seemed a generous man to me and he seemed perfect for the role, unpaid of course, not just for his popularity amongst young people but also for his clarity of speech," said Ovadia.

"It will be a strong message and Lippi is a star not because of what he does but because of who he is. Because of the way he speaks and the ideas he has, he can easily reach out to people's hearts and minds.

Ovadia said he contacted Lippi in the wake of incidents involving Italian hooligans around a match in Bulgaria last Saturday. Five Italians were arrested in Sofia during the football World Cup qualifier between Bulgaria and Italy after they rioted, chanted fascist slogans and burned a Bulgarian flag.


"We want to reach out to young people with a strong message, such as an anti-fascist one,” he said.

Lippi will play his role alongside well-known Italian actors such as Antonio Albanese and Nicoletta Braschi.

Ovadia has yet to decide exactly what Lippi's role will be but he will likely read something from author Primo Levi, a Jewish Italian Holocaust survivor.

Levi is best known for his work on the Holocaust and in particular his account of the year he spent in Auschwitz. His book “If This Is a Man” has been described as one of the most important works of the twentieth century.
 
Old October 28th, 2008 #66
Robert Bandanza
Banned
 
Join Date: Mar 2006
Location: JUDEAware, originally MassaJEWsetts
Posts: 8,901
Default La Marcia su Roma



Alberto B. Mariantoni © Il 28 Ottobre (in realtà, tra il 27 ed il 31 Ottobre) del 1922, avveniva la « Marcia su Roma »: un’insurrezione nazionale, popolare e rivoluzionaria che metteva fine alla situazione di disordine strutturale e di guerra civile permanente e generalizzata che regnava in Italia dalla fine della Prima guerra mondiale. Nell’arco di quelle giornate, all’incirca 100 mila squadristi erano insorti con sincronia militare in tutta la Penisola ed avevano preso il controllo delle principali città italiane, a cominciare da quella di Siena; mentre altre 50 mila Camicie Nere, ripartite in tre colonne – che provenivano rispettivamente da Monterotondo, Tivoli e Santa Marinella (senza contare i 5 mila uomini di riserva che si erano attestati su Foligno) – erano confluite sulla capitale e, stringendola d’assedio, avevano dato lo « scossone finale » all’allora governo di destra dell’on. Luigi Facta, ed indirettamente costretto il Re Vittorio Emanuele III a dare l’incarico di formare il nuovo Governo italiano a Benito Mussolini, il Duce della rivoluzione fascista. L’idea di quella rivoluzione era nata appena 43 mesi prima, da una serie di articoli e di comunicati stampa, redatti dallo stesso Mussolini, che erano apparsi su « Il Popolo d’Italia », in risposta al disfattismo generalizzato e alla disobbedienza civile che in quell’epoca erano largamente alimentati e favoriti dal massimalismo socialista trionfante e dalle prime avvisaglie dell’allora sbocciante tracotanza bolscevica.
Il 2 Marzo del 1919, in uno di quegli articoli, Mussolini invitava « corrispondenti, collaboratori e seguaci del Popolo d’Italia, combattenti, ex combattenti, cittadini, e rappresentanti dei Fasci della Nuova Italia e del resto della Nazione ad intervenire all’adunanza privata che si terrà a Milano, il 23 Marzo ».

Il 6 Marzo successivo, in un comunicato dello stesso giornale, lo stesso Mussolini specificava: « (…) da quella adunata usciranno i Fasci di Combattimento il cui programma è racchiuso nella parola ». « (…) Il 23 Marzo sarà creato l’antipartito, sorgeranno cioè i Fasci di Combattimento che faranno fronte contro due pericoli: quello misoneista di destra e quello distruttivo di sinistra ».

Il 18 Marzo, un nuovo pezzo del futuro Duce d’Italia, sottolineava: « Noi vogliamo la elevazione materiale e spirituale del cittadino italiano (non soltanto di quelli che si chiamano proletari… e la grandezza del nostro popolo nel mondo. Quanto ai mezzi non abbiamo pregiudiziali: accettiamo quelli che si renderanno necessari: i legali e i così detti illegali. Da tutto questo travaglio usciranno nuovi valori e nuove gerarchie ».

Il 23 Marzo 1919 - dopo una riunione preparatoria che si era tenuta il 21 dello stesso mese - l’attesa assemblea, presieduta dal Capitano degli arditi Ferruccio Vecchi e composta da appena 53 persone di origini politiche le più svariate (per lo più, ex interventisti, futuristi, ex sindacalisti, ex socialisti rivoluzionari, ex arditi, reduci di guerra, ex volontari fiumani, ecc.), ebbe luogo nella sede dell’Alleanza Industriale e Commerciale di piazza San Sepolcro, a Milano.

In quell’occasione, fu lo stesso Mussolini a definire la natura e la portata del nuovo movimento fascista: « Noi siamo - egli disse - degli antipregiudizialisti, degli antidottrinari, dei problemisti, dei dinamici; (…) noi abbiamo stracciato tutte le verità rivelate, abbiamo sputato su tutti i dogmi, respinto tutti i paradisi, schernito tutti i ciarlatani - bianchi, rossi, neri - che mettono in commercio le droghe miracolose per dare “felicità” al genere umano. Non crediamo ai programmi, agli schemi, ai santi, agli apostoli: non crediamo soprattutto alla felicità, alla salvazione, alla terra promessa. Non crediamo a una soluzione unica - sia essa di specie economica o politica o morale - a una soluzione lineare dei problemi della vita, perché, - o illustri cantastorie di tutte le sacrestie - la vita non è lineare e non la ridurrete mai a un segmento chiuso fra bisogni primordiali» (Benito Mussolini, « Scritti e Discorsi », Ulrico Hoepli Editore, Milano, 1934 - XII, Tomo II°, pag. 33 e 53-54).

Il Fascismo era nato.

Inutile, in questo contesto, ritracciare il calvario di quella rivoluzione. In particolare: le sconfitte elettorali, le persecuzioni poliziesche, le impari battaglie con i sovversivi, gli infiniti lutti subiti, le delusioni, le amarezze, le frustrazioni.

Sembrava davvero impossibile che un pugno di patrioti irriducibili potesse arrestare la valanga sovversiva social-comunista e cambiare il corso della Storia. Eppure, con il coraggio e la fredda determinazione che li animava, quel manipolo di eroi riuscì a dare l’esempio ai tiepidi ed ai rinunciatari, riuscì a scuotere i pigri e gli ignavi dal loro torpore, riuscì ad amalgamare attorno a sé la parte sana della nazione e masse sempre più vaste di italiani.

Sarà il miracolo di quella rivoluzione!

« Il fascismo comincia a crescere, tumultuosamente, impetuosamente dopo il novembre del 1920; richiama alla mente di tutti, amici e avversari, una sola immagine: quella di un corso d’acqua che d’un tratto si gonfi e rompa ogni argine e dilaghi oltre ogni previsione » (P. Rauti, R. Sermonti, « Storia del Fascismo », Centro Editoria Nazionale, Roma, 1976, Tomo II, pag. 117).

Dopo le sanguinose violenze, gli scioperi, le occupazioni, le aggressioni e gli agguati che avevano continuato a subire durante il famoso « biennio rosso » (1920-1921), i fascisti - rincuorati ed ingigantiti dall’indescrivibile affluenza di nuove reclute - riusciranno a restituire colpo su colpo ai loro avversari ed a distruggere progressivamente la forza offensiva dei partiti sovversivi.

La resurrezione della Nazione italiana era ormai alle porte.

I fascisti, infatti, con il loro sacrificio, oltre a mettere fuori combattimento i loro avversari, « avevano colpito a morte il vecchio regime. Avevano salvato la civiltà italiana alla nuova storia. Avevano difeso tutta l’Europa da una delle più convulse esplosioni di barbarie. Avevano ridestato a vita immortale - con il sangue dello stesso sacrificio - i padri del Risorgimento e i nipoti non indegni ch’erano caduti nella grande guerra » (Roberto Farinacci, « Storia del Fascismo », Società Editoriale Cremona Nuova, Cremona, 1940, XVIII, pag. 245-246).

Quegli uomini, il 28 Ottobre del 1922, dopo tante privazioni e rinunce, ebbero la gioia di vedere realizzato il loro sogno e quella di potere, in fine, assaporare il gusto della loro meritata vittoria.

Lo stesso non posso dire per me e per quanti, da più di sessant’anni, hanno cercato di essere fedeli a quella medesima tradizione.

La mia generazione, purtroppo, ha conosciuto solo le sconfitte, le delusioni e le amarezze. E’ nata troppo tardi per marciare con coloro che durante il Ventennio contribuirono alla rinascita della nostra Nazione e, probabilmente, troppo presto per farlo con coloro che sicuramente verranno per riscattare di nuovo la libertà, l’indipendenza, l’autodeterminazione e la sovranità della nostra Patria.

La sola gioia che posso vantare nel contesto della mia fede, è quella di avere avuto l’opportunità e l’onore, nel corso della mia gioventù, di conoscere personalmente un certo numero di squadristi di quella rivoluzione.

Difficile descriverli. Impossibile dimenticarli. Erano degli uomini per cui, ancora oggi, vale la pena di vivere e di continuare a soffrire, semplicemente per potere testimoniarne l’esistenza e tramandarne le gesta.

http://www.ladestra.info/?p=24886
 
Old October 31st, 2008 #67
alex revision
Senior Member
 
alex revision's Avatar
 
Join Date: Mar 2008
Posts: 15,878
alex revision
Default Giovanni Preziosi : Giudaismo Bolscevismo Plutocrazia Massoneria

Giovanni PREZIOSI


Giudaismo Bolscevismo Plutocrazia Massoneria


Milano, Mondadori, 1941, <pdf> pag. 254, 2,1M

http://www.vho.org/aaargh/fran/livres8/Preziosi.pdf


Da quando nel luglio del 1912 durante la guerra italo-turca, utilizzando la documentazione di H. S. Spencer, corrispondente di guerra del New York Herald, contribuii a far sapere agli italiani che l'Italia non si stava battendo con la Turchia, ma con i grandi banchieri ebrei di tre continenti guidati da Sir Ernest Cassel e dalla sua banca ebraico-inglese, fui additato dagli ebrei e dai loro amici come il creatore dell'antisemitismo in Italia. Non si voleva che si dicesse che tutta la campagna mondiale di diffamazione contro l'Italia era opera degli ebrei d'Inghilterra inventori delle atrocità dei soldati italiani contro i turchi. Non si voleva sapere che Luciano Wolf direttore del Graphic e del Daily Graphic aveva offerto gratuitamente a tutti i giornali del mondo i suoi articoli contro l'Italia in guerra e che i nostri denigratori nel mondo erano gli ebrei Lord Burnham (Joannes Moses Levi) col Daily Telegraph, Mr. Blumenthal col Daily Espress, Rothstein col Daily News, Alfred Mond con la Westminster Gazette, Lady Mond con la English Review, Bartlett con la Reuter Agency.

Gli italiani non amavano comprendere il vero valore di quelle rivelazioni. Lo compresero invece gli ebrei che mi additarono all'odio come creatore dell'antisemitismo italiano.
 
Old October 31st, 2008 #68
Robert Bandanza
Banned
 
Join Date: Mar 2006
Location: JUDEAware, originally MassaJEWsetts
Posts: 8,901
Default

Quote:
Originally Posted by alex revision View Post
Giovanni PREZIOSI


Giudaismo Bolscevismo Plutocrazia Massoneria


Milano, Mondadori, 1941, <pdf> pag. 254, 2,1M

http://www.vho.org/aaargh/fran/livres8/Preziosi.pdf


Da quando nel luglio del 1912 durante la guerra italo-turca, utilizzando la documentazione di H. S. Spencer, corrispondente di guerra del New York Herald, contribuii a far sapere agli italiani che l'Italia non si stava battendo con la Turchia, ma con i grandi banchieri ebrei di tre continenti guidati da Sir Ernest Cassel e dalla sua banca ebraico-inglese, fui additato dagli ebrei e dai loro amici come il creatore dell'antisemitismo in Italia. Non si voleva che si dicesse che tutta la campagna mondiale di diffamazione contro l'Italia era opera degli ebrei d'Inghilterra inventori delle atrocità dei soldati italiani contro i turchi. Non si voleva sapere che Luciano Wolf direttore del Graphic e del Daily Graphic aveva offerto gratuitamente a tutti i giornali del mondo i suoi articoli contro l'Italia in guerra e che i nostri denigratori nel mondo erano gli ebrei Lord Burnham (Joannes Moses Levi) col Daily Telegraph, Mr. Blumenthal col Daily Espress, Rothstein col Daily News, Alfred Mond con la Westminster Gazette, Lady Mond con la English Review, Bartlett con la Reuter Agency.

Gli italiani non amavano comprendere il vero valore di quelle rivelazioni. Lo compresero invece gli ebrei che mi additarono all'odio come creatore dell'antisemitismo italiano.
 
Old October 31st, 2008 #69
alex revision
Senior Member
 
alex revision's Avatar
 
Join Date: Mar 2008
Posts: 15,878
alex revision
Default carlo Alberto Agnoli : La massoneria alla conquista della Chiesa

Carlo Alberto AGNOLI

La massoneria alla conquista della Chiesa

Roma, 1996, EILES, <pdf>, pag. 32 , 17M

http://www.vho.org/aaargh/fran/livre...riaechiesa.pdf


In queste pagine non ci proponiamo di provare la veridicità, nome per nome, della famosa lista de prelati massoni pubblicata il 12 settembre 1978 dal giornalista Mino Pecorelli in seguito a molteplici altre liste che erano già trapelate sulla stampa. Infatti come escludere che Pecorelli, che era un piduista, o comunque vicinissimo a Licio Gelli, venerabile della più famosa e famigerata loggia massonica italiana, possa avere inserito dei nomi per confondere le acque o dannegiare quelche avversario ?
 
Old November 14th, 2008 #70
blueskies
Banned
 
Join Date: Feb 2004
Posts: 5,392
Default

Quote:
Originally Posted by Roberto Abbondanza View Post
Great link RA.

There’s a forum of L’Aquila.it, my birth place.

btw, not far from where i grew up, Corno Grande-big horns. Mussolini’s mountain retreat called Campo Imperatore.

Last edited by blueskies; November 14th, 2008 at 06:19 PM.
 
Old November 14th, 2008 #71
blueskies
Banned
 
Join Date: Feb 2004
Posts: 5,392
Default

http://www.vivamafarka.com/forum/ind...&topic=44954.0

«Questi giovani sono la parte sana della nostra società. È grazie a loro che anche noi in futuro avremo un presidente meticcio come Obama». È quanto ha affermato l'artista Moni Ovadia, al suo arrivo alla stazione Centrale di Milano dove è stato invitato dagli studenti e dai ricercatori precari intenzionati a partire per Roma per la manifestazione di domani del mondo dell'università. «Questi ragazzi sono il nostro futuro - ha continuato Ovadia - e dobbiamo essere con loro contro questa finta riforma che vuole distruggere l'università e il sapere pubblico». L'artista ha anche rivolto un appello ai vertici di Trenitalia: «A loro dico di uscire dal conformismo del grigio dovere e usare un po' di cuore».

-----

Translation; the youth is part of our society. Thank you, but even in our future we have a corrupt president ; I’m guessing this fellow poster is saying that the government's heart is not in the right place. The indigenous is treated as second class etc.Eventually folks will revolt.

Last edited by blueskies; November 14th, 2008 at 06:46 PM.
 
Old November 15th, 2008 #72
Kind Lampshade Maker
The paranormal silent type
 
Kind Lampshade Maker's Avatar
 
Join Date: Jan 2004
Location: Where you least expect
Posts: 8,265
Kind Lampshade Maker
Default Queli con la pelle gialo vendeno panini fatti con cagnolino:

__________________
 
Old November 15th, 2008 #73
blueskies
Banned
 
Join Date: Feb 2004
Posts: 5,392
Default

Snooping around the vivamafarka forum. The destra radicali know the score.

RA, are you a member there?

KLM, back in the 40s it was called a hot frankfuter. Now is literally a hot-dog”.

As the jew would say- enjoy!

Last edited by blueskies; November 15th, 2008 at 07:16 PM.
 
Old November 15th, 2008 #74
Robert Bandanza
Banned
 
Join Date: Mar 2006
Location: JUDEAware, originally MassaJEWsetts
Posts: 8,901
Default

Quote:
Originally Posted by blueskies View Post
Snooping around the vivamafarka forum. The destra radicali know the score.

RA, are you a member there?

KLM, back in the 40s it was called a hot frankfuter. Now is literally a hot-dog”.

As the jew would say- enjoy!
Yeah, I am, but I no longer post there. There is only one small English section and that's where I would read and post. I go/went by "Mac Seafraidh." Perhaps some of them could start posting here. That would be awesome.
 
Old November 15th, 2008 #75
Robert Bandanza
Banned
 
Join Date: Mar 2006
Location: JUDEAware, originally MassaJEWsetts
Posts: 8,901
Default

Quote:
Originally Posted by Kind Lampshade Maker View Post
That's pure chink ignorance. Disgusting. I like nationalists groups who also advocate animal rights. Many Italian ones do so.
 
Old November 15th, 2008 #76
Robert Bandanza
Banned
 
Join Date: Mar 2006
Location: JUDEAware, originally MassaJEWsetts
Posts: 8,901
Default Immigrazione, Fiore: pregiudizio è l’integrazione impossibile



Il 2008 è stato l’anno record per l’ingresso degli immigrati in Italia. Lo dicono i numeri degli sbarchi e quelli che riguardano le persone rintracciate senza permesso di soggiorno. Oggi, il capo dello Stato Giorgio Napolitano, ha parlato della necessità di far cadere vecchi pregiudizi contro gli stranieri.
L’Eurodeputato di Forza Nuova Roberto Fiore commenta:”con Berlusconi e la Lega, l’immigrazione clandestina anzichè diminuire è cresciuta. Gli italiani sanno chi ringraziare e sono tutto tranne che portatori di pregiudizi: il vero pregiudizio è credere che milioni di stranieri possano integrarsi quando nei fatti questa è un’utopia irrealizzabile. Il pregiudizio sta nel seguire un’ideologia, qual’è quella dell’accoglienza ad ogni costo, quando la stessa è a spese dei nostri connazionali più bisognosi, non di Napolitano o di Fini che torna- come un disco rotto- a parlare di cittadinanza agli stranieri. Questo pregiudizio sta rovinando il futuro di milioni di italiani.”

http://www.ladestra.info/?p=25549

The only thing I really do not like about FN is they are traditional catholic nationalists. They have a slogan "God, Family, Nation" if I remember correctly.

Last edited by Robert Bandanza; November 15th, 2008 at 07:51 PM.
 
Old November 15th, 2008 #77
Robert Bandanza
Banned
 
Join Date: Mar 2006
Location: JUDEAware, originally MassaJEWsetts
Posts: 8,901
Default “Catholic Statesman or Terrorist? You Decide!”

http://ie.novopress.info/?p=1167
 
Old November 16th, 2008 #78
blueskies
Banned
 
Join Date: Feb 2004
Posts: 5,392
Default

Quote:
Originally Posted by Roberto Abbondanza View Post
Roberto Fiore is a controversial figure.Wikipedia, 1980 bombing in Bologna train station.he belonged to an organization of terza posizione-third position, fighting against Marxist and Communist. Roberto Fiore then fled to London from prosecution.

London, the eye of sauron, cleared RB of any wrong doing from p2 Masonic lodge, he is also an associate of Nick Griffin.he is now member of the eu

In this interview novopress, he says Italian law prohibits secret society,but on the other hand, he is not a racist or anti-semite,rather convert jews to catholic faith.

It just doesn't add up in this mad, mad, mad, mad, world. The chosenite practice inclusivity state within a state of gentile’s exclusivity.

Its time to give the little jew the Italian boot.

Last edited by blueskies; November 16th, 2008 at 11:15 AM.
 
Old November 16th, 2008 #79
blueskies
Banned
 
Join Date: Feb 2004
Posts: 5,392
Default

Quote:
Originally Posted by Roberto Abbondanza View Post
Yeah, I am, but I no longer post there. There is only one small English section and that's where I would read and post. I go/went by "Mac Seafraidh." Perhaps some of them could start posting here. That would be awesome.
The fellows there are mostly young college students.

this one thread is rather interesting:
Do & don't
http://www.vivamafarka.com/forum/ind...&topic=34610.0
 
Old November 16th, 2008 #80
blueskies
Banned
 
Join Date: Feb 2004
Posts: 5,392
Default circa 1934



http://images.google.com/imgres?imgu...%3Den%26sa%3DX
The building in the picture is Palazzo Braschi in Roma, where was located the HQ of the Rome Fascist Party Federation (the local, not national Party HQ). The "SI SI ..." lettereing (meaning "Yes Yes ...) are propaganda for one of the two "plebiscite" elections held during the Fascist Regime, where electors didn't voted for individual parties - there wasn't any but the Fascist one! - neither for single candidates, but just voted "Yes" or "Not" to a single list of candidates presented by the Duce himself.
 
Reply

Tags
w l'italia

Share


Thread
Display Modes


All times are GMT -5. The time now is 07:40 AM.
Page generated in 0.19728 seconds.